venerdì, ottobre 31, 2008

Bloccato l'appalto..

GELA (CALTANISSETTA) - Il sindaco di Gela, Rosario Crocetta, ha revocato l'appalto di ristrutturazione del teatro comunale "Eschilo", dell'importo di 4 milioni di euro (precedentemente assegnato a un'associazione temporanea di imprese) perché una delle ditte associate sarebbe risultata - come ha detto il sindaco - "in odor di mafia". Si tratta della "Sambataro srl" di Paternò, a carico della quale, secondo un'informativa della Prefettura di Catania, risulterebbero in corso indagini per sospette infiltrazioni mafiose. Il provvedimento del sindaco è contemplato dal protocollo di legalità che le aziende sottoscrivono per adesione al momento di partecipare alle gare d'appalto con il Comune di Gela. Rosario Crocetta ha rilanciato la proposta di costituire in Italia un elenco di imprese "sane", disponibili a sottoporsi a costante monitoraggio antimafia.
30/10/2008
Fonte: La Sicilia

1 commento:

peppe genchi ha detto...

Crocetta è veramente un simbolo positivo della Sicilia, che opera all'ombra dei riflettori di tv e giornali. E forse questo è un bene.