mercoledì, febbraio 27, 2008

Ancora Crocetta che sa come lavorare... Bravo! Ce ne fossero come lui..

PALERMO - Il Comune di Gela ha escluso dalla graduatoria delle case popolari mafiosi, estorsori, pedofili e falsi poveri. L'amministrazione comunale, guidata da Rosario Crocetta, ha assegnato ieri 80 alloggi e ha tenuto fuori dall'assegnazione persone che avevano precedenti per pedofilia e mafia. E' emerso che su 160 iscritti sono state riscontrate una sessantina di dichiarazioni false; una ventina di persone, inoltre, hanno riportato condanne per le quali il Comune aveva previsto l'esclusione dal diritto della casa popolare. Dalla graduatoria sono stati depennati oltre a persone con precedenti penali per truffa anche per mafia, estorsione e reati di pedofilia. Il Comune di Gela applica questa linea non solo per l'assegnazione delle case popolari ma anche per l'intervento sociale nei confronti di estorsori, mafiosi e pedofili ai quali "non vengono concessi contributi e agevolazioni" da parte dell'amministrazione guidata da Crocetta.
27/02/2008
Fonte: La Sicilia

2 commenti:

Kazahn ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
libero83 ha detto...

Rosario Crocetta è la dimostrazione che per fortuna in sicilia ci sono politici che vogliono seriamente combattere la mafia, il problema però è che gli esempi di Crocetta si contano sulle dita di una mano, ma modestamente vedendo comè ridotto il nostro parlamento....

PS:bel blog il tuo, ti ho messo tra i miei link